Quello che puoi con quello che hai…

Da bambino guardavo mio nonno mentre costruiva piccoli oggetti con il legno. A volte si metteva a fare degli attrezzi per la sua piccola campagna, mensoline per i barattoli dei chiodi in garage o altre piccole cose. E lo faceva usando legno vecchio, che recuperava da cassette per la frutta o vecchi bancali. Non glieneContinua a leggere “Quello che puoi con quello che hai…”

In turno, tempo fa…

Pomeriggio infernale. Abbiamo avuto parecchio da fare. Con Big Boss che sparava ordini a destra e sinistra via radio e tutti i grandi capoccioni degli uffici che ci gironzolavano intorno. E stava anche filano tutto liscio, fatica a parte. Fino a che ad un certo punto SocioFra alza il pezzo da 40 tonnellate, inizia aContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

Prima: Dopo: Piazza pulita. Oggi turno tranquillo, io e SocioFra ci siamo dati il cambio alla guida del giocattolo, il capoturno era di quelli giusti, di quelli con cui ci si può lavorare in serenità. L’attimo di panico quando ho voluto tirare su io il pezzo grosso e portarlo fino alla bestia. Il pezzo siContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

Il momento del cambio turno. Ci si trova tutti alle macchinette del caffè. Il comune denominatore è il sonno. Quelli della notte sono stracchi e non vedono l’ora di andarsene a casa, quelli del mattino, come me oggi, hanno il silenzio incorporato e stanno giusto iniziando a smaltire l’incazzatura provocata dal bastardissimo suono della svegliaContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

Sono il risultato dei miei viaggi.

Nigeria, Cameroun, Mali, Algeria, India, Venezuela, Brasile, Repubblica Ceca, Grecia, Kenya, Ciad… Ogni viaggio che ho fatto e ogni posto in cui mi sono fermato anche solo per un giorno mi ha regalato delle emozioni che non hanno eguali. Mi sono trovato volontariamente o mio malgrado in situazioni divertenti, drammatiche, spiritose, tristi. In ognuna diContinua a leggere “Sono il risultato dei miei viaggi.”

In turno, tempo fa…

8 ore intense. Poco prima di cambiarmi per iniziare il turno ho beccato Ale, turno smontante, alle macchinette. Ha guardato me e Socio Fra e con gli occhi di chi sa che sarà una giornata di merda, ci ha detto che avremmo sofferto oggi. Entriamo in reparto e pare che sia passato di là unContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

Socio Fra e Marchetto sono in ufficio, io nel piazzale con il pivello. Sarebbe affidato alle amorevoli bestemmie di Marchetto ma siccome per stanotte lui ha finito e non ha altro da fargli vedere, il pivello me lo sono preso io e lo sto bonariamente schiavizzando (cosa che per che inciso, tocca a tutti). ÈContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

Ricordo il mattino in cui mi sono presentato alla portineria per il primo giorno di lavoro. Dal parcheggio vedevo quel capannone immenso, faceva un caldo asfissiante e avevo addosso il timore di ciò che non conosci misto all’incoscienza di quelli che si tuffano nelle nuove avventure. Ricordo che mi sono fermato qualche minuto in macchina,Continua a leggere “In turno, tempo fa…”

Il rimpianto.

Sei il mio più gran rimpianto. Sei un po’ vento leggero e un po’ tempesta. Sei sole caldo e pioggia battente. Sei blues e un Jack Daniel’s. Sei il lume di candela. Sei un terrazzo in una notte d’agosto. Sei un letto sfatto su cui si è vissuto, sognato, goduto e parlato. Sei un rossoContinua a leggere “Il rimpianto.”

In turno, tempo fa…

E poi ti capita la squadra giusta, quella con cui puoi lavorare anche 24 ore non stop che neanche te ne accorgi tanto è il feeling che si è creato. Piccole soddisfazioni: i pezzi da far passare nello spazio millimetrico oggi li ho portati io, visto che socio Fra ha gettato la spugna a metàContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

Qualcosa di meno. Qualcosa di più.

E un’altra alba da guardare, un viso a cui sorridere, una canzone da cantare in macchina, un’altra donna da spogliare, un corpo da farci l’amore, un uomo da prendere a pugni, un caffè e poi un’altro. E un sogno da rimettere nel cassetto che non è ancora il suo momento, un libro da finire, unContinua a leggere “Qualcosa di meno. Qualcosa di più.”

In turno, tempo fa…

Una macchina, insieme. Io e mio fratello. Come tanto tempo fa. Solo che adesso è per andare a lavorare. Ogni tanto durante il turno, soprattutto di notte, riusciamo a beccarci. Poco fa l’ho visto, mi ha guardato come a dire “tutto ok” ma ho notato in lui la stanchezza tipica della mancanza di abitudine alleContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

Una notte in turno, tempo fa…

E siamo fermi. Iniziamo a lavorare alle dieci stasera, appena entrati in reparto i colleghi del pomeriggio ci avvisano che “la bestia” non aggancia. Quindi arrivano le squadre di manutentori ma sembra che il ritardo si accumuli sempre di più. Socio Fra è in fase di cazzeggio nell’ufficetto, io ogni tanto allungo il collo perContinua a leggere “Una notte in turno, tempo fa…”

I tuoi momenti verità.

Un bicchiere scheggiato, una nota stonata, quell’alito di vento e tu che mi guardi. È sera, il sole è tramontato da un pezzo, tu sei andata a sederti sul muretto della veranda e hai le ginocchia sotto il mento, stringi le gambe in un abbraccio, stai in silenzio e guardi il cielo che pian pianoContinua a leggere “I tuoi momenti verità.”

In turno, tempo fa…

Al secondo turno senza SocioFra. Ho accettato un paio di cambi chiesti da un collega e quindi mi sono ritrovato a lavorare col mio primo istruttore, Giorgio il romeno (spacobottiliaeamazofamilia) e col capoturno più scassacazzi che possa esserci. Ieri mi sono pentito amaramente di aver accettato i cambi. Oggi, appena arrivato, ancora prima di iniziareContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

E rieccomi al lavoro dopo 20 giorni di ferie. Socio Fra stamattina mi ha dato buca, si è preso un permesso… È anche vero che lui è rientrato qui quattro giorni prima di me. Arrivo e trovo quel coso già quasi del tutto costruito e mi viene da pensare “cazzo se già prima ci facevanoContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

Brutti sporchi e cattivi… (dicono…)

Quelli brutti sporchi e cattivi invadono con 2000 motociclette un paesino di 30 case. Hanno i gilet con le toppe, le barbe lunghe, i jeans strappati e gli stivali. Fanno casino, bevono fiumi di birra. La musica se non è a tutto volume non va bene. Sul palco ci sono le ragazze che si spogliano,Continua a leggere “Brutti sporchi e cattivi… (dicono…)”

Un ovale in volo…

Un ovale in volo ed una presa da manuale Primavera 1996, un pomeriggio come tanti in giro in motorino. Incrocio due amici, ci fermiamo a parlare un po’. Mi invitano ad andare a vedere il loro allenamento e visto che non ho niente di meglio da fare, accetto. Mi siedo su una panca a circaContinua a leggere “Un ovale in volo…”

In turno, tempo fa…

Lavoro da quando avevo 18 anni, da vent’anni. Ho sempre fatto mestieri in cui serve sangue freddo e reazioni veloci. E vuoi per bravura, vuoi per culo o chissà che, la paura mi ha tenuto sempre sveglio e sul chi va là e il sangue freddo non mi è mai mancato. Ma oggi mi sonoContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

In turno, tempo fa…

E rieccomi qui, nel mio inferno per altre 8 ore, per un’altra mattina che si prospetta intensa e massacrante. Ho ancora una ventina di minuti di pace poi inizieremo a darci dentro di brutto. Io e Socio Fra, insieme a Marchetto, dobbiamo recuperare il tempo perso nel turno di notte per un guasto, perché sennòContinua a leggere “In turno, tempo fa…”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito