La somma…

La verità è che siamo la somma di quello che abbiamo e che ci hanno fatto. Io ho viaggiato, ho fatto cazzate, ho rubato, mi sono ubriacato. Mi hanno pestato, ho perso, mi hanno tradito. Ho dato. Mi hanno preso. Ho ricevuto, ho donato, ho anche domato la furia ogni tanto. Ho lavorato e mi sa che mi toccherà ancora per molto tempo. Mi hanno sorriso e spero che continuino a farlo, non sempre, ma ogni tanto ci sta… Ho cantato, tifato e bestemmiato. Me ne hanno dette di tutti i colori, ho sbagliato,  ho previsto che… E ci ho pure azzeccato! Mi hanno amato e poi mi hanno insultato, quelli giusti hanno anche gioito con me e a volte per me. Ho vinto, esultato e mi sono leccato le ferite. Ho giocato e qualcuno con me ha pure fatto sul serio. Mi sono sposato, ho fatto dei figli e li sto guardando mentre crescono e creano la loro strada. Di strada io ne ho tanta alle spalle e conto di farne almeno altrettanta in un futuro non troppo rognoso. Ho anche pregato in certe occasioni, ma forse Dio in quei momenti era impegnato altrove, quindi pace e amen… Mi hanno aiutato e per un senso di riconoscenza sono convinto che debba farlo anche io, per quanto mi sia possibile. Ho condiviso attimi di vita vera e chi era con me ha fatto altrettanto. Mi sono tatuato e non ho ancora finito. Ho trovato fratellanza e famiglie parallele a quella definita dai canoni della morale. Non ho mai fatto il moralista perfortuna e se dovesse capitarmi, investitemi con un tir. E tutto questo e molto altro ognuno di noi se lo porta dentro, sulla pelle, nei ricordi, nelle cicatrici e nei tatuaggi. Ed è così che deve continuare ad essere.

Sex

Cominciai a guardarle su per le gambe. Mi sono sempre piaciute le gambe. È stata la prima cosa che ho visto quando sono nato. Ma allora stavo cercando di uscire. Da quel momento in poi ho sempre tentato di andare nell’altra direzione, ma con fortuna piuttosto scarsa.
(Charles Bukowski)

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito